Il metodo DIMANAT®

Agopuntura auricolare e obesità

L'obesità è un problema che interessa circa il 40% della popolazione italiana, ma nonostante la rilevanza del problema, i dati disponibili riguardo alle varie forme di trattamento offrono risultati piuttosto scoraggianti, in particolare se vengono analizzati protocolli a lungo termine.

La terapia classica dell'obesità, basata sulla restrizione dietetico-calorica spesso associata all'impiego di farmaci anoressizzanti, pur mostrando una certa efficacia nel determinare una perdita di peso a breve termine non è certo priva di effetti collaterali.

Nel "Dieting" frequentemente possono insorgere fattori sfavorevoli quali: fame intensa, craving (desiderio irrefrenabile) per un qualche alimento (più frequentemente per cibi dolci), ansia, irritabilità, abbassamento del tono dell'umore (effetti psicologici della restrizione dietetica), tutti fenomeni che rendono difficile ed in certi casi irnpossibile il proseguimento del percorso dietetico. Il paziente non riesce a perdere peso che anzi tende ad aumentare, ne deriva una reazione psicologica di rifiuto di continuare nella terapia, perciò il paziente abbandona il proprio dietologo (è il fenomeno dell'Eclissi). Durante tale periodo di assenza di controllo il peso fatalmente aumenta, superando spesso quello iniziale. Si configura la Weight Cycling Sindrome detta comunemente sindrome Yo-Yo. Questo fluttuare del peso sembra determini un maggior rischio di mortalità e patologia cardiovascolare rispetto a soggetti obesi con peso corporeo stabile.

Per trovare una soluzione a tali problemi ci si è rivolti alle Terapie Non Convenzionali, in tale ambito l'Agopuntura Auricolare ha raggiunto un ruolo ben definito, che recenti studi ciinici e di laboratorio hanno studiato fin nei più fini meccanismi neurofisiologici.

Il metodo DIMANAT® Dimagrire Naturalmente, messo a punto dal nostro gruppo di studio, rappresenta un nuovo e interessante approccio integrato al problema del soprappeso.

La possibilità di intervenire sul comportamento alimentare mediante la stimolazione di zone ben definite del padiglione auricolare, è l'elemento peculiare nell'impiego di questa terapia per il trattamento dell'obesità. Il comportamento alimentare nell'uomo è il risultato della stretta interazione tra fattori ambientali, cognitivi, emotivi e biologici, che costituiscono una fitta rete assai difficile da analizzare. Quelli biologici, rappresentati dalla sensazione di fame e sazietà, svolgono un ruolo molto importante nell'influenzare l'assunzione di cibo in tempi brevi ed è proprio su questi aspetti che la stimolazione auricolare sembra agire principalmente.

Studi recenti hanno evidenziato che la stimolazione auricolare è capace di modificare in maniera significativa l'appetito inteso come desiderio di cibo e come orientamento del pensiero al raggiungimento dello stesso: ciò si realizza attraverso l'insorgenza di un precoce senso di sazietà durante e tra i pasti. Altri effetti ottenuti con la stimolazione auricolare sono:

a) la modifica della scelta del cibo: il paziente si orienta verso cibi proteici piuttosto che verso carboidrati e grassi;

b) la riduzione degli episodi di craving (ricerca smodata d1 un cibo, molto frequentemente dolci) e di "binge eating" (abbuffata compulsiva);

c) il miglioramento del tono dell'umore, la diminuzione dell'ansia e dell'irritabilità.

Migliora dunque nel soggetto obeso l'adesione alla restrizione dietetica e questo favorisce il calo ponderale. Inoltre molto spesso negli obesi, a causa dell'alternarsi caotico di periodiche restrizioni alimentari con momenti di totale disinibizione alimentare, si sviluppa nel tempo un processo di disorganizzazione dei meccanismi psicobiologici di Controllo del comportamento alimentare, con una completa o parziale desincronizzazione tra stimoli esterni e sensazione di sazietà, processi fisiologici e funzioni neurotrasmettitoriali. Su questi pazienti la stimolazione auricolare sembra esercitare un'azione di risettaggio dei meccanismi interni di controllo, capace dunque di mantenere un comportamento alimentare più corretto, da cui un minore recupero del peso perduto.

Tali risultati indicano la stimolazione auricolare come un efficace strumento che può entrare a far parte dei modelli integrati utilizzati nel trattamento del paziente in sovrappeso, intervenendo sia nella fase della restrizione dietetica, sia in quella non meno importante del mantenimento del peso raggiunto.

Valuta la tua Fame Emotiva

Compila il questionario cliccando qui per valutare il tuo punteggio sulla Scala della Fame Emotiva (Binge Eating Scale).

Una volta completato, clicca qui per interpretare le tue risposte.